note biografiche

 

Marisa Faccani

Nata a Faenza il 15 agosto 1947 sotto il segno del leone, ha studiato presso il liceo scientifico della città coltivando due passioni: l’amore per la matematica e quello per il disegno.

Laureata in matematica a Bologna , ha insegnato con dedizione questa disciplina per 32 anni e , arrivata alla difficile decisione di andare in pensione, per ritrovare fiducia in se stessa ha ripreso in mano i colori riscoprendo il coraggio di fare ciò che a 20 anni aveva messo da parte : dipingere.

Dal 2006  si è dedicata all’acquerello rappresentando nei suoi disegni la natura che le sta intorno .  Il cielo , il mare , i capanni da pesca , le valli del delta del  Po, le strade di campagna ,le albe  e i  tramonti  sono al momento i suoi soggetti preferiti.

La sua è una ricerca di bellezza e di armonia affidata alla tecnica romantica e ardua dell’acquarello che con “niente” (colori trasparenti stemperati in acqua su carta) crea atmosfere ricche di delicato lirismo e salva  vibrazioni  e balenii di bellezza altrimenti perduti.

Molte sono le opere prodotte  ,visibili tutte nel sito personale www.marisafaccani.com ,e gratificanti i consensi , sempre maggiori, ricevuti nelle numerose Collettive  e Personali a Faenza e dintorni.

e-mail: isa15847@alice.it

Questa voce è stata pubblicata in NEWS. Contrassegna il permalink.

2 risposte a note biografiche

  1. Vittorio Petito scrive:

    Solo per caso mi sono imbattuto nei suoi acquerelli. Ho visionato il primo, poi ho voluto visitare tutta la sua galleria. Il senso di quiete che traspare dai suoi lavori è profondo, intenso. La perizia, poi, nell’eseguirli è veramente lodevole. Hanno inoltre un pregio grande e raro: sono immediatamente leggibili ed indagabili.
    E’ quello che penso.
    Grazie.
    Vittorio Petito

  2. antonella scrive:

    Buonasera, sono arrivata qui dopo aver letto una poesia di Paula Meehan sulla pioggia e il grigio di payne ed ho trovato un suo monocromo grigio di payne e poi ho visto gli acquarelli su Brisighella, io sono di Castrocaro ma adoro Brisighella, mi piace molto come l’ha raffigurata, c’è molta poesia dolcezza e morbidezza, spero di potere venire in fiera a Forlì o chissà magari proprio a Brisighella per incontrarla e per vedere le sue opere dal “vivo”, per ora grazie della sua delicatezza.
    Antonella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *